Home | Immagini del Monte | Flore e Fauna | Storia & Dintorni | Accoglienza | Collabora |
18 Gennaio 2005
Invia le tue osservazioni.
10 Gennaio 2005
Osservazioni di Flaviano Mencarelli.
Osservazioni di Mario Fraternale.
25 Dicembre 2004
Auguri da rotondo.
12 Novenbre 2004
La Grotta delle Mandorlete.
4 Novenbre 2004
Le nostre osservazioni al PPAE.
12 Ottobre 2004
Successo per la passeggiata conoscitiva.
2 Ottobre 2004
il Manifesto!
30 Settembre 2004
Un particolare ringraziamento...
21 Settembre 2004
Niente cave sul monte Rotondo.
15 Settembre 2004
La Provincia accorda un incontro con il Comune di Sassoferrato per il 21 Settembre.
26 Agosto 2004
Raccolte 1200 firme!
15 Agosto 2004
Petizione contro l'istituzione del bacino estrattivo
26 luglio 2004
Adozione Programma Provinciale delle attività estrattive
I Documenti
 Delibera della Provincia
 Programma Provinciale (90 Mb)
 Petizione (16 Kb)
 Incotro del 21 Sett. (81 Kb)

La Grotta delle Mandorlete.
Sul versante esposto ad Est, poco sotto la sommità pianeggiante detta Le Battute, sono state rinvenute due cavità carsiche ipogee note con il nome di Grotta del Mandorleto e Grotta del Tesoro.


Belle ed ampie sale, in particolare la seconda, con le sue concrezioni di calcare bianchissimo, stallattiti e stalagmiti in gran parte attive, presentano alcuni cunicoli laterali ancora da esplorare.
Ma il vero interesse di queste grotte è costituito dall'eccezionale presenza di specie appartenenti all'ecosistema ipogeo. Si rileva, infatti, la presenza di una numerosissima popolazione di artropodi appartenenti al genere Dolicopoda, di numerosi aracnidi e di una vasta popolazione di chirotteri (alcune centinaia di individui, nella grotta maggiore) appartenenti al genere Rhinolophus e ad altri generi non ancora identificati. Inoltre si rilevano tracce della frequentazione occasionale di esemplari di istrice (si rinvengono numerosi aculei) e di tasso (con tane e fatte).
La presenza diffusa di vaste popolazioni di chirotteri va indubbiamente considerata come indicativa del buono stato di conservazione dell'ambiente naturale circostante che favorisce la presenza di tali specie. Altre condotte carsiche rinvenibili verso la sommità Le Battute testimoniano dell'ampia diffusione del fenomeno carsico nell'area.
Da sottolineare che la Legge Regionale n. 12 del 23 febbraio 2000 "Norme sulla speleologia", tutela le aree che presentano forme di carsismo superficiale ed ipogeo (art.4 e art.5 L.R. 12/2000).
Così come è da sottolineare che le specie di chirotteri presenti nelle grotte sono considerate "specie di interesse comunitario" (art.1, comma 1 e allegato B del D.P.R. n. 357 /1997) la cui conservazione richiede la designazione di zone speciali di protezione (Z.P.S).
- 22/11/2017 06:12:15 movimento pro Monte Rotondo comitato@ilmonterotondo.it